Original
blog

Le regole della comunicazione tra genitori e nonni

cover-shutterstock_178576976
October 4, 2017

Il confronto, lo scambio, il rispetto delle diverse esperienze tra generazioni sono senza dubbio il punto di forza di tante famiglie italiane. La rete di supporto familiare, in cui i nonni hanno un ruolo fondamentale, si regge proprio su queste fondamenta. E se il background culturale o le convinzioni individuali possono portare a divergenze d’opinione tra genitori e nonni – che spesso vertono sull’educazione o sull’alimentazione dei bambini - bastano poche semplici, ma fondamentali, regole di comunicazione per rendere più forte e piacevole il legame tra le diverse generazioni. Questo perché i nonni sono preziosi per i figli e i nipoti proprio quanto figli e nipoti sono preziosi per loro! Ecco i nostri consigli per una convivenza serena!

Consigli e critiche

Per i nonni, la regola più importante è: non criticare e non dare consigli se non vengono richiesti; se vuoi renderti utile, limitati a chiedere cosa puoi fare. Se rispetti lo spazio degli altri, prima o poi verranno a chiederti suggerimenti, approfittando della tua saggezza.

Per i genitori: se i nonni ti feriscono dandoti ammonimenti o criticandoti, rispondi educatamente che apprezzi il loro aiuto e la loro esperienza, ma tu la vedi diversamente da loro e saresti felice se accettassero e seguissero la tua decisione.

A casa dei nonni

Spesso la casa dei nonni è una “zona libera”, dove le regole sono di meno e si può mangiare qualche cioccolatino in più. Questo va bene, ma senza esagerare: se i genitori non vogliono che i bambini mangino merendine o bevano bibite gassate, che guardino la tv o giochino ai videogiochi per molte ore, i nonni dovrebbero rispettare la loro volontà, per fare il bene dei bambini ed evitare conflitti inutili. La regola aurea deve essere una: mai dire “sì” a qualcosa alla quale i genitori del bambino hanno già detto “no”!

shutterstock_258792452

Le frasi che fanno male

A volte capita che i nonni critichino i genitori di fronte ai bambini, dicendo davanti a loro frasi come “Siete troppi severi” o “Io non farei così”. Questa è, inevitabilmente, vissuta dalla “generazione di mezzo” come una mancanza di rispetto delle proprie regole e idee. Un buon modo per alleggerire la tensione può essere rispondere semplicemente con “Capisco il vostro punto di vista, ma io sono a mio agio e mi sento bene così”.

Rispetto e ascolto reciproco

A volte, per i genitori può essere difficile adeguarsi alle abitudini dei nonni, alla loro presenza che può sembrare eccessiva (in particolare se si tratta di suoceri), o a regole che non ci assomigliano. Teniamo presente una cosa: la relazione ideale con i nonni si basa su una buona comunicazione tra i partner. È importante che i genitori si diano supporto, si parlino ed esprimano il loro eventuale disagio faccia a faccia. Successivamente potranno stabilire delle regole condivise (si va a pranzo dai nonni una domenica su due, i nonni non devono venire a trovare i nipoti senza annunciarsi…) e comunicarle con delicatezza ai propri genitori o suoceri. 

Naturalmente, anche i nonni dal canto loro hanno il diritto di stabilire dei limiti: se hanno la sensazione di essere chiamati all’ultimo minuto senza preavviso, o di essere considerati baby sitter da utilizzare gratis e a comando, è giusto che, sempre con gentilezza, lo facciano notare. Si sa che i nonni farebbero tutto per i nipoti, ma in fondo non sono ragazzini e non è giusto che stravolgano la propria vita e le proprie abitudini per loro!

generazione-shutterstock_284570258

Fiducia

Nel rapporto tra genitori e nonni, la fiducia è forse la parola più importante: affidarsi gli uni agli altri è fondamentale. I nostri genitori forse non hanno lo sprint di un ventenne, ma si sono presi cura di noi per tutta la vita e sapranno certamente farlo anche con i nipoti. Evitiamo di assillarli con indicazioni e telefonate continue quando stanno con i bambini: come ci sentiremmo noi al posto loro? 

Anche i nonni, però, devono capire che i figli sono ormai adulti, e se hanno idee diverse su molte cose (cure mediche, alimentazione, giochi, attività extrascolastiche…) è perché sono cresciuti in una società che è molto cambiata rispetto a quella delle generazioni precedenti. Non tutto ciò che è nuovo o diverso è sbagliato: per questo frasi come “Ai miei tempi non si faceva così” andrebbero sempre evitate. Il compito dei nonni non è di contraddire le regole date dai genitori, ma di aiutarli a farle rispettare dai bambini.

merende-shutterstock_637051807

E per finire… molto amore

Qualunque sia il rapporto tra nonni e genitori, sia nei casi in cui regna la completa armonia che quelli in cui sono frequenti piccole incomprensioni o conflitti che possono metterci di cattivo umore, dobbiamo ricordare sempre una cosa: per un bambino i nonni sono, come i genitori, una risorsa e un dono prezioso, una fonte d’amore inesauribile.A volte come in tutti i rapporti ci vuole un po’ di pazienza, tolleranza e capacità di mettersi nei panni degli altri. Ma i momenti sereni che passeremo insieme “tra generazioni” ci ripagheranno col calore e il senso di vicinanza che solo una vera famiglia può dare. È importante perciò che tutti, genitori e nonni, collaborino per proteggere e rendere prezioso il tempo che i più anziani e i nipotini passano insieme.

A questo proposito, per trovare nuovi spunti interessanti con cui i tuoi bimbi possono divertirsi in compagnia dei nonni, potete consultare il nostro libro “Guida per Nonni davvero Original” (realizzato in collaborazione con Giunti Editore), scaricabile gratuitamente online, in versione e-book, sul sito dell’iniziativa nonnioriginal.it.